Accedi al sito Accedi al menu
Manhattan

#historyofcocktails 22 novembre 2014

Manhattan

Ideato appositamente per un ambiente altolocato, una favola ci racconta come nasceva l’aperitivo sofisticato a base di whisky diventato un Very Important Drink!

C’era una volta una giovane e affascinante donna, figlia di un ricco finanziere americano, il suo nome era Jeanette Jerome, detta Jennie, la bellissima ragazza, viziata all’inverosimile, passava molto tempo in Inghilterra sull’isola di Wight a godersi il sole e le regate di cui era appassionata. La sua bellezza non passava affatto inosservata, i nobili inglesi si infatuavano di lei con molta facilità, finchè un giorno arrivò il furtunato: Lord Randolph Churchill, Duca di Marlborough. I due si sposarono ed ebbero un figlio: Winston, futuro Primo Ministro di Sua Maestà. La duchessa era solita organizzare grandi feste e sontuosi ricevimenti, soprattutto a New York presso il Manhattan Club, durante il ricevimento in onore del candidato alla Presidenza degli Stati Uniti, Samuel J.Tilden, venne servito un nuovo cocktail, inventato proprio per l’occasione dal Dott. Iain Marshall.

Il drink venne subito apprezzato. Era circa il 1870 e fu battezzato Manhattan prendendo il nome dal club in cui venne servito per la prima volta. In poco tempo, grazie al passaparola tra i nobili, il Manhattan divenne celebre anche in Europa.
Come si intuisce dal tono da favola, pare sia questa, la leggenda dietro l’invenzione del Manhattan, ma a tutt’oggi no vi è alcuna certezza o prova empirica di ciò che realmente accadde. Certissimo e provato invece, è il successo che questo drink ha avuto e ha nel mondo del piccolo e del grande schermo:

Bevuto nella celebre serie tv “Sex and the city”, in cui le quattro protagoniste consumano cocktail in ogni locale fashion di New York. Adorato dalla stravagante Karen di “Will e Grace”, altra serie tv degli Stati Uniti; citato perfino nei Simpson quando in un episodio, Bart viene risparmiato dalla mafia di Springfield solo se riuscirà a preparare un superbo Manhattan e riuscendoci, diventa barman della mafia. Al cinema invece è citato ne “Il colore dei soldi” di Scorsese e in “A qualcuno piace caldo” con Marylin Monroe, Jack Lemmon e Tony Curtis, in cui viene usato del Bourbon anziché del Whisky, miscelando gli ingredienti direttamente in una bottiglia… 
Insomma, il Manhattan è il cocktail famoso, apprezzato e modaiolo. Citando l’attore Martin Short, vi lasciamo alla ricetta.

..Ma dottore, io mangio un sacco di frutta. Metto sempre tre ciliegine in ogni Manhattan!

MANHATTAN
Aperitivo
  • 5 cl Rye Whiskey
  • 2 cl Vermouth rosso
  • 1 goccia di Angostura
  • Unire tutti gli ingredienti nel mixing glass già riempito con cubetti di ghiaccio e mescolare bene
  • Versare in una coppa da cocktail già raffreddata
  • Guarnire con una ciliegina da cocktail
TORNA A #historyofcocktails

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

CONTATTI

mail info@campariacademy.it

telefono 026225278

Hai l'età per bere legalmente
bevande alcoliche?

Attendi, stiamo elaborando la tua richiesta

Campari Academy Campari Academy

Grazie per esserti iscritto. Riceverai una email il riepilogo
della tua iscrizione al corso.
ATTENZIONE: Controlla la cartella SPAM e verifica di aver inserito nella tua rubrica l'indirizzo email info@campariacademy.it

Se entro 24 ore non dovessi ricevere nessuna email contattaci a questi recapiti
info@campariacademy.it
026225278

CONDIVIDI CON UN AMICO

Inserisci l'indirizzo e-mail della persona alla quale vuoi inviare la segnalazione e i tuoi commenti.
A recapitare il messaggio ci pensiamo noi!

 
(*) Campi obbligatori