Accedi al sito Accedi al menu
La magia del Savoy Hotel di Londra

#barhistory 18 febbraio 2016

La magia del Savoy Hotel di Londra

Aneddoti che hanno reso leggenda l’American Bar più famoso al mondo.

Un luogo magico e particolare fin dal suo ingresso: non tutti sanno che la via del Savoy Hotel di Londra è l’unica in tutto il Regno Unito in cui le macchine viaggiano con guida a destra anziché a sinistra. Curiosità e aneddoti si sprecano per le 268 stanze di un hotel leggendario che ha visto passare storie e celebrità di ogni genere: Claude Monet trovò qui l'ispirazione per la sua più bella veduta del Tamigi; Laurence Olivier e Vivian Leigh si conobbero e s'innamorarono qui; nelle sue stanze sono stati ospitati divi del cinema quali Charlie Chaplin, Marilyn Monroe, Liz Taylor e Tom Mix - del quale si racconta che abbia attraversato la sala da pranzo del Savoy in sella al suo cavallo; Geroge Gershwin, i Beatles, Elthon John sono solo alcuni dei grandi artisti che hanno eseguito performances indimenticabili.

Ma per i professionisti e gli appassionati del bartending, il leggendario American Bar dell'hotel è sicuramente la stanza più importante, soprattutto grazie ad una leggenda come Harry Craddock, vero padre fondatore dell’american bar style a Londra. Una figura tanto fondamentale per il Savoy da lasciarci la sua impronta e non solo in senso figurato: nel 1927, quando l’hotel venne ristrutturato secondo lo stile Art Decò che ancora lo caratterizza, Craddock nascose uno shaker con all’interno una sua creazione, il White Lady Cocktail, tra i muri della struttura. Nessuno, ad oggi, ha mai trovato lo shaker durante le successive ristrutturazioni. Per le barlady di tutto il mondo il bar del Savoy è punto di riferimento grazie anche ad un’icona come Ada Coleman, prima bartender americana che ebbe l’onore di servire artisti e personalità quali il Principe di Galles, Marlene Dietrich e Mark Twain e che inventò per un cliente abituale un cocktail come l’Hanky Panky.

Oggi parlare di Savoy richiama alla mente nomi di leggende viventi come Erik Lorincz e Peter Dorelli, che hanno recentemente presentato una nuova carta dei cocktail: drink come Green Park, Punk Rock, Abbey Road sono solo alcuni dei nomi che rievocano luoghi e personaggi iconici di Londra, ricordando ancora una volta l'ispirazione originaria della tradizione dell'American Bar: raccontare storie attraverso i sapori e i profumi dei cocktail.
TORNA A #barhistory

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

CONTATTI

mail [email protected]

telefono 026225278

Hai l'età per bere legalmente
bevande alcoliche?

Attendi, stiamo elaborando la tua richiesta

Campari Academy Campari Academy

Grazie per esserti iscritto. Riceverai una email il riepilogo
della tua iscrizione al corso.
ATTENZIONE: Controlla la cartella SPAM e verifica di aver inserito nella tua rubrica l'indirizzo email [email protected]

Se entro 24 ore non dovessi ricevere nessuna email contattaci a questi recapiti
[email protected]
026225278

CONDIVIDI CON UN AMICO

Inserisci l'indirizzo e-mail della persona alla quale vuoi inviare la segnalazione e i tuoi commenti.
A recapitare il messaggio ci pensiamo noi!

 
(*) Campi obbligatori

l’alta formazione sul
bartending ti aspetta.

Punta sul tuo talento,
iscrizioni entro il 4 febbraio 2019.

SCOPRI DI PIÙ