LIFESTYLERICETTE

Negroni Week: i sette giorni per celebrare il classico Campari

Parti uguali, perché in una collana di sapori forti come questo, l’equilibrio è l’unica chiave per un’esperienza senza paragoni. Tre ingredienti, tre pietre di valore che scolpite nella stessa miscela realizzano il diamante più prezioso. Il Negroni è storia di uomini e tempi classici, racconto di abitudini che restano, previsione di convivialità che non cambierà mai.

Dedicato a chi fu protagonista della nobiltà fiorentina, ma firmato dall’intuizione perfetta di un bartender poi consegnato alla leggenda. Fu lo sconvolgimento sorridente dei salotti del buon bere italiano, il trucco per nulla nascosto che un mago dell’ospitalità indovinò per cambiare per sempre il rito più amato. È passato oltre un secolo da quando Fosco Scarselli strizzò l’occhio da dietro il bancone del bar Casoni di Firenze, per rispondere silenzioso e sornione alla richiesta del Conte Camillo Negroni: annuì e creò, muovendo il primo passo di un viaggio destinato a non finire mai.

Semplice, intenso, senza tempo: una formula di magia rossa e attraente, tradotta in un sorso al velluto che può durare una notte intera. Fu una dose di gin, cristallino e robusto, a intrecciarsi con l’iconica miscela di Campari e vermouth dolce, che il Conte volle innovare con un tocco della Londra di cui era habituè per creare un sorso senza precedenti. Talmente rivoluzionario da ritagliarsi il primo gradino tra i desideri dei consumatori, incuriositi dalla fetta d’arancia che Scarselli aggiunse al nuovo cocktail per renderlo subito riconoscibile: un “drink alla maniera del Conte Negroni”, poi ridotto al solo cognome, divenuto nel tempo simbolo di un universo a cinque stelle.

E a questo universo, fatto di classe, storia ed eleganza, Campari Group e Imbibe! dedicano da nove anni un’intera settimana, che quest’anno si è conclusa il 19 settembre. Sette serate per alzare i bicchieri e tornare ad anni ruggenti, a baccanali intellettuali, uomini con tube e donne in pelliccia, con l’ulteriore arricchimento di una giusta causa: come per ogni anno, l’iniziativa era volta a raccogliere fondi da destinare a fondazioni di beneficenza (più di tre milioni di dollari sono stati raccolti dalla prima edizione).

È uno dei segreti del Negroni, macchina del tempo racchiusa e versata su un cubo di ghiaccio, che diventa perla trasparente in livrea rubina: l’aperitivo eccellente, per eccellenza. È la Negroni Week, per la quale sette tra i migliori bartender del mondo, tra cui Tommaso Cecca del Camparino in Galleria di Milano, hanno creato altrettanti twist sulla ricetta classica, che adesso aspettando solo di essere sorseggiati ovunque nel mondo. È la settimana di celebrazione, per un drink immortale da bere tutti i giorni.

a cura di Carlo Carnevale

SHARE
background image
it
Devi confermare di avere più di 18 per poter procedere
Hai l'età per bere legalmente bevande alcoliche?
Bevi responsabilmente

Campari supporta un consumo di alcolici responsabile.